Archivio mensile:gennaio 2011

Bilanci del we

Standard

Mi sento come l’Empire State Building della sfiga.
A parte il finestrino rotto, le gambe come due zamponi e raffredamenti vari ed eventuali, Sens of Wine, comunque non è stata una brutta esperienza, faticosa certo ma interessante. In fondo devo essere una di quelle persone teoricamente più contente di fare che di non fare.
La manifestazione di Anton Ego, diciamo così, è stata un’occasione per rimettere in moto due esperienze della mia vita: quella commerciale di vendita e quella enogastronomica. E cazzo, mi piacciono entrambe da morire.

A voi che mi leggete voglio solo raccontare della premiazione di venerdì sera in cui ho assistito a un impobabile videodocumentario che raccontava i vini del lazio con la pomposa presentazione di Luca Maroni e l’aulica regia di Storaro padre e figlio. Ammetto che per me è stato uno dei momenti più esislaranti della manifestazione che inevitabilmente mi ha riportato all’episodio Stromboli di Caro Diario. Sarà pure un mio limite ma davvero non riuscirò mai a capire chi prende così sul serio un bicchiere di vino.