Mentrefuoripiove (Gianicolo)

Standard

Eh, siam belle, no? A quarant’anni chiuse nella mia macchina a fumare

Sono nella smart con Bouche,  provo quel piacere che davvero mi è necessario, anche nel giorno di pasquetta, osservando la pioggia squacquerare sul parabrezza. Siamo nel verde pimpante della primavera al Gianicolo. Evito di concentrarmi sui disturbi, sulle interferenze, perché provo fastidio per le gocce d’acqua che dal finestrino ricadono nell’interno della macchina, sullo sportello e sulle mie dita. Mi distraggo.

Mi hanno raccontato di Marta, una conoscente viterbese,  mi hanno detto che Marta sta lasciando il marito. Tre figli, gli ultimi due sono gemelli di appena un anno. Così, senza esitare. Sorrido sorniona, ma di un sorriso perfido. Quando ho lasciato il mio di marito ho passato molto tempo  ossessionata dai sensi di colpa, immersa completamente nei problemi da affrontare,  riassestare- ripulire- la mia vita, quella di mia figlia. Non vedevo e non capivo nulla di quello che succedeva intorno, anche se -per uno strano effetto domino- molte altre coppie di amici attorno a noi, si separavano, scoppiavano. Ero ovattata nelle mie preoccupazioni.

Adesso, invece, me ne accorgo,  provo piacere ad ascoltare le storie di vite spezzate, di progetti andati a male. Deve essere proprio meschino l’essere umano a volte, io almeno a volte lo sono,  a godere per il dolore delle altre e degli altri, delle amicheche passano dalla nostra parte, nel club delle ex.

Andiamo va. Prima a cinema e poi a ballare

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...