“Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere: l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t’aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti” (I.Calvino)

Standard

Poi ci sono quelle pause – le fughe-  che a volte prendono la forma di un viaggio, a volte al contrario,  di una claustrofilia, di un ritiro. No, io voglio viaggiare per ritrovare un po’ di sana allegria e di felicità. Io voglio viaggiare per avere del tempo per guardare le persone per strada, per ascoltarle. Io voglio viaggiare per assaggiare sapori e sorrisi che non conosco.  Io voglio viaggiare per accrescere le mie esperienze, per ritrovare la mia indipendenza. Io voglio viaggiare per provare a conoscere gli spagnoli di Barcellona, che saranno anche italiani, africani, tedeschi, francesi e quant’altro. Io voglio viaggiare per fare fotografie, per ammirare la bellezza delle cose, della città sconosciuta e per accarezzare le mie malinconie.  Io voglio viaggiare riempirmi,  per  camminare, leggere, raccontare.

O almeno io ci provo, perchè come spesso mi accade, ogni momento di libertà che voglio concedermi si trasmorma in un percorso ad ostacoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...