Pausa abbazia

Standard

Chet Baker nelle orecchie  mente chiudo gli occhi e mi impongo di pensare a qualcosa di assolutamente piacevole e rilassante. E in primavera cosa c’è di meglio che pensare a una finestra socchiusa, il vento che fa danzare le tende,  degli alberi di ulivo sullo sfondo e delle lenzuola bianche, fresche di bucato,  mentre piano piano sprofondo in un lettone morbido. Perché non c’è niente di meglio di regalarsi un bel riposino in questo periodo, oddio non ricordo nemmeno da quanto non mi capita. Chiamalo cretino quel Letta il Giovane  lì, ci verrei pure in Abbazia mi sa, mi sa.

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...