Diario quasi napoletano (il giorno prima della felicità)

Standard

Dio, quanto mi piace la città d’estate. Non è mica vero che nessuno parte. Partono, già partono dalla metà del mese di luglio. E alcuni, invece, restano chiusi nelle loro case a boccheggiare sbracati sui davani, davanti ai loro televisori a schermo piatto. O poi ci sono quelli che lavorano, come me, ma sono un numero sostenibile di persone in movimento. Mi piace da impazzire il senso di vuoto, la sospensione innaturale, le zone d’ombra dove si cerca rifugio dal sole.  E mi piacciono i silenzi.  Quei silenzi che somigliano a me, alle persone sole. O le confidenze degli estranei, quelli che ti raccontano le cose seduti al bar per uno strano senso di complicità tra gente che rimane. Oggi ho trovato un punto strategico, uno di quei buchi rettangolari tra palazzi squadrati, quelli dove un tempo si affacciavano le cucine, chissà se ancora è così, oasi ventilate,  se ci riesco stasera vi mostro la fotografia, una roba stupenda, quelle botte di culo che ogni tanto mi capitano, in cui mi sembro davvero bellissima.

O poi stasera. Potrei fare un sacco di cose: andare a cena con un’amica al Pigneto, passare a bere qualcosa da un amico, telefonare al percussionista brasiliano che mi sta tampinando, potrei fermarmi a salutare Cate e tante altre cose ma non ho ancora voglia di fare niente. Forse passo nell’ultima ora utile tra i negozi a cercare le famose scarpe, di cui già vi ho parlato. Forse prendo al volo qualcosa di buono da mangiare e da bere e mi chiudo in casa. Libera dai rumori familiari, libera dal frigorifero pieno, libera da tutto quello che di utile e caldo può contenere una casa. E’ estate. Niente è come sarebbe in altri mesi.

Forse faccio un brindisi anche io a questa estate, prima del trasloco.

Bevo a chi è di turno, in treno, in ospedale, cucina, albergo, radio, fonderia, in mare, su un aereo, in autostrada, a chi scavalca questa notte senza un saluto, bevo alla luna prossima, alla ragazza incinta, a chi fa una promessa, a chi l’ha mantenuta, a chi ha pagato il conto, a chi lo sta pagando, a chi non è invitato in nessun posto, allo straniero che impara l’italiano, a chi studia la musica, a chi sa ballare il tango, a chi si è alzato per cedere il posto, a chi non si può alzare, a chi arrossisce, a chi legge Dickens, a chi piange al cinema, a chi protegge i boschi, a chi spegne un incendio, a chi ha perduto tutto e ricomincia, all’astemio che fa uno sforzo di condivisione, a chi è nessuno per la persona amata, a chi subisce scherzi e per reazione un giorno sarà eroe, a chi scorda l’offesa, a chi sorride in fotografia, a chi va a piedi, a chi sa andare scalzo, a chi restituisce da quello che ha avuto, a chi non capisce le barzellette, all’ultimo insulto che sia l’ultimo, ai pareggi, alle ics della schedina, a chi fa un passo avanti e così disfa la riga, a chi vuol farlo e poi non ce la fa, infine bevo a chi ha diritto a un brindisi stasera e tra questi non ha trovato il suo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...