Vintage (diario napoletano)

Standard

Ombè e la cosa più bella che ti può capitare il lunedì, un lunedì mattina, mentre stai in metropolitana, è lasciarti distrarre da un particolare, o dall’aspetto di qualche viaggiatore. Stamattina c’era una mia coetanea che chiedeva attenzione, urlando contro qualcuno, spiegando che doveva restare vicino alle porte perché si sentiva claustrofobica a causa della chemioterapia. Chemio che era già raccontata dalla bocca livida e dal foulard che nascondeva la calvizie. Ma non lei. Non ho voglia di raccontare di lei, perché il cinismo ci porta – almeno per me è così- a evitare di concentrarci su chi pretende l’attenzione su di sé. L’eccessiva manifestazione- ostentazione- del disagio mi da fastidio, cancella quel minimo di pietas che pure dovrei mostrare.

Invece sono rimasta a guardare una giovane donna dalla caviglia sottile, esile, antica. Portava quelle scarpe che sono ritornate da poco di moda, quelle incrociate davanti, con un tacco non alto, anni ’50 , italiano, beige con calze color carne, vestitino fasciante a pois non troppo corto  l’ impermeabile tagliato nei modello avvitato da donna. Ho chiuso gli occhi e li ho riaperti, per un attimo ho pensato ai tempi in cui mia madre era giovane. Io non amo il vintagismo forzato, i ritorni di tendenze, perché ogni donna esprime con il suo corpo e la sua personalità uno stile, uno stile che magari si avvicina di più a un tempo, a un’epoca della moda. Quella donna anni Cinquanta era tremendamente sexy. Talmente discreta e femminile che ho dimenticato di ricordarmi del femminismo, della libertà sessuale e di tutta la storia contemporanea delle donne.

Che alla fine poi, non so bene perché ma gli anni ’50 calzano benissimo a questa città.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...