Le gaffes di Silvio non fanno ridere più nemmeno la “pancia del Paese”

Standard

La cosa bella è che se distribuisci chiavi alle persone che ami ti capita che torni a casa e trovi già i regali ad aspettarti. Io, ieri sera,  ho ricevuto, anzi ho trovato a casa,  due regali preziosi da due donne chiave della mia vita: mia cugina Elinda e mia marita Lucilla.  La prima mi ha regalato una cassettiera lilla, di quelle in  plastica, per lo spogliatoio. Ma non vi saprei raccontare di quanto sia importante per me questa cugina se non vi dicessi che nei cassetti aveva già riposto le mie sparpagliate magliette, calze, mutande, reggiseni, sciarpe, foulard e pashmine. Il mio piccolo mondo da indossare, insomma. La seconda, beh, ammetto la seconda mi ha commossa. Lucilla è da effetti speciali. Farfalle nello stomaco, se fossi un uomo. In questo siamo simili: a volte ci piace raccontare le nostre emozioni facendo regali o mostrandoci generose. Non ricevevo un gioiello in regalo da secoli. Ora, poi, sembra stupido, ma non c’è nulla che si possa desiderare di più di qualcosa di inutile, per sentirci donne.  Almeno a me succede così. Perché abbiamo bisogno del superfluo per sentirci necessarie, o delle ali e di una certa svagatezza per affrontare con leggerezza le responsabilità della vita quotidiana.

BeFunky_sirena.jpg

Chroniques napolitaines:  mon anniversaire. Première partie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...