Una brutta storia

Standard

Io non ho una visione pacatamente pro-abortista. Ritengo che quella cosa che chiamiamo ipocritamente feto sia vita. Ritengo anche che in ogni aborto ci sia un fallimento complessivo, culturale e sociale di una comunità. Ritengo che in una società maschilista l’aborto sia ancora da considerare una misura estrema per un discorso amoroso e sociale che resta confinato nelle possibilità esistenziali di una donna. La possibilità di fare o non fare un figlio.  Una condizione di fatto a cui si aggiunge  una mai compiuta ed efficace cultura della sessualità, ostacolata dal tabù della religione cattolica. A fronte di queste riflessioni che cerco di portare avanti con coerenza, da anni, ritengo che quanto stia accadendo oggi in Italia, in merito all’obiezione di coscienza, sia una barbarie religiosa inaudita per un mondo che ha scelto di essere laico. Che comunque la pensiate  la storia che è finita in cronaca oggi è di una gravità incredibile. Lo scrive una persona affetta da una malformazione genetica ereditaria, una a cui poteva capitare di essere meno fortunata e di trovarsi nella stessa situazione di questa signora. Dico sempre che gli antiabortisti dovrebbero concentrare il loro entusiasmo pro-life occupandosi di bambini malati o abbandonati, o  riversare il loro ottimismo per la vita cercando di rendere più facile la vita alle ragazze madri. Dico anche che gli obiettori di coscenza dovrebbero cambiare mestiere. Che far abortire una donna può essere anche sgradevole ma nessuno li ha costretti a quel mestiere in un Paese come l’Italia, in cui l’aborto è una pratica legale.  Per cui andatevene a fare in culo. Non dico nulla di nuovo, ma sai come funziona nella comunicazione, a furia di ripetere che una nefandezza è veramente tale qualcuno finisce per prendere il considerazione la notizia. Una notizia molto più grave della discussione sulle quote rosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...