Un Natale col Commissario

Standard

La fame e l’amore, ripete ossessivamente, De Giovanni, attraverso il commissario Ricciardi. Se si potesse andare all’origine di tutti i crimini, troveremo questi due elementi come uniche matrici esistenziali della natura umana. Dalla fame e dall’amore si scatena l’odio, l’odio che produce omicidi, rapine, dolori, invidie, passioni fatali, truffe e via discorrendo.

Questo Natale lo trascorro in compagnia del commissario adottato dalla torbida Napoli fascista degli anni ’30, quel capolavoro di città, di città femmina, che già conteneva. in nuce, le imperfezioni umane di un destino sfortunato.

La fame e l’amore sono la causa recondita di ogni devianza e anche a me,  in questi giorni è capitato di pensarci, giorni in cui come Mastroianni in Una giornata particolare mi sono sentita aggredita da una fitta serie di bastonate anonime in quanto immeritate da una specie di squadrista a me fino ad oggi sconosciuta.

Passa. Tutto scorre, diceva qualcuno. Sangue, dolore, odio, dispiacere. Dispiacere per quella mancanza di amore, per quella fame che – anche volendo-  non sarei stata in grado di  colmare.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...