Autunno

Standard

Insomma, mi manca l’Autunno e poi col commissario Ricciardi per un po’ io e lui ci salutiamo. Alla fine la sua Napoli mi è entrata talmente sottopelle che non riesco a guardarmi intorno senza pensare alle sue passeggiate, mani in tasca, senza cappello per via Toledo, quasi fossi io, quasi fosse ancora quella la mia città.

In mezzo ci ho messo Nora Ephron, la prova provata che in un altro posto, in un altro continente, diciamo,  una donna come me avrebbe avuto successo sentimentale e professionale, avrebbe avuto successo ma come me, superati i quaranta, avrebbe avuto il terrore di scoprirsi fatua e vanitosa e spaventata dall’invecchiamento.

Per il resto ho ricominciato a usare il pc, ho iniziato a tenere i capelli ondulati e ho preso in prestito un vestito supersexy di gay mattiolo (credo si scriva così, non fatemi andare su google a cercarlo che mi annoio) perché quest’anno rispetto la tradizione di Capodanno. Dopo sei anni. No, non quella del brindisi.

Per ora vi saluto. Sono tornata sul blog come se non fosse quasi più la mia stanza, ma una cameretta delle vacanze. Che vuol dire che le priorità sono cambiate, che non è vero che siamo sempre le stesse, che, soprattutto, a fare e pensare le stesse cose ci si annoia. Che è cosa sana e legittima.

A presto.

In sintesi:  auguri miei affezionati lettori.

natale 2014

 

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...