Autoscatto di un sabato napoletano

Standard

iomare Che se non trovi tutte le risposte che cerchi prova a cambiare le domande, prova a cambiare il corso dei tuoi pensieri, delle tue aspettative, degli interessi. C’è qualcosa sempre che ribolle sotto, siamo esseri complessi, e siamo sempre solo noi a decidere le priorità dei nostri bisogni. E così che funziona, come quei documenti assopiti sui desktop dei nostri pc. Se non ne vieni a capo, lascia tutto così, chiudi e salva e apri un vecchio file, che alla fine è sufficiente anche quello per ricordarti di come non sia tutto così prevedibile e tantomeno sia così facile prenderti, prendere te stessa in tutte le immagini della tua identità. Ricordati che non c’è nulla di più angosciante di aver raggiunto una meta, terminare un libro interessante, concludere un lavoro in cui ti eri proiettata con tutta te stessa. E’ sempre il viaggio quello che conta, le strade e le storie che incontri nel tragitto. Itaca, sarà pur bella, ma solo alla fine di questa inquietudine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...