Liberal chic

Standard

costume

Mio fratello è figlio unico/sfruttato/ represso/calpestato/odiato

Rino Gaetano,  “Mio fratello è figlio unico”

Per cui mi avete rintracciato in molti, ieri. Confesso, lo sa solo un mio amico, nel mentre mi scrivevate, io mi gustavo i quindici minuti di wahroliana notorietà (non era di Wahrol però la frase simbolo della pop art, sapevatelo, come tante robe di Andy si tratta di un falso d’autore),  dell’intervista apparsa ieri sul sito del Corriere del Mezzogiorno, in estatico abbandono, tra i vapori delle stufe, nuotando a pancia all’aria in una piscina all’aperto, sotto la pioggia.  Le stufe di Nerone sono una figata, ve lo dico perché alla fine sono una blogger napoletana, e ho una mission promozionale, così mi pare di aver detto.

Torniamo al punto: è stato divertente. Mi sono arrivate anche molte critiche, però. Alcune riguardano il modo in cui non ho saputo presentare il blog: vi toccherà leggermi sempre per capire di cosa di tratta. Quelle che invece mi hanno lasciato più perplessa riguardano la mia posizione diciamo così sociopolitica. Cioè, dando per scontato, che appaio (non lo sono, credetemi) una donna elegante e colta, la mia attuale collocazione penderebbe su un molto anglosassone stile liberal.   Una volta un caporedattore americano mi disse: scrivi da anglosassone, non sembri italiana. Voleva farmi un complimento. Oggi forse potrei aggiungere penso da anglosassone. Vale a dire dando valore e senso al mio pensiero in maniera indipendente e libera. Certo, ne parlavo stamattina in metropolitana con una mia conoscente, arrivare a quarant’anni e essere considerata liberal è triste, fa tanto vecchia. E questo me lo tengo, però posso replicare: se i social hanno appiattito il vostro senso critico, se avete solo voglia di sentirvi dalla parte dei buoni, allora non sto sbagliando. Ho imparato a sedici anni cosa significava la parola “reclutamento” in senso politico, sono abbastanza svezzata per capire che ci sono strumentalizzazioni feroci delle parole di guerra, che hanno un impatto diretto sui ragazzi, e di questo gli intellettuali sono responsabili.  Per il resto da ieri canticchio pop: sono e resto figlia unica, alla maniera di Gaetano. Che vuol dire non mi avrete mai, come mi volete voi.

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...