I ruderi di un sogno di massa: la seconda casa

Standard

Pronti per le vacanze? Già partiti? State ancora riempendo i bagagliai? Mi viene da ridere. Abbiamo massacrato la nostra costa fino ad arrivare a quella calabra, noi napoletani. Quella campana non ci bastava e per alcuni costava troppo e allora siamo arrivati fino in Calabria con il cemento, le chiassose famiglie, le ambizioni vacanziere. Le seconde case. A tutti i costi occorreva averne una. Una casa al mare. A cosa cazzo serviva comprare una casa al mare per quindici giorni di vacanza? Che domande, serviva a parcheggiare moglie, figli, nonni e parenti finché si scoppiava. Riempire, letto su letto, divano su divano. Le case nei paesini in cui per due mesi le fogne straripavano. Nessuno da quelle parti aveva mai pensato di poter gestire tanta merda umana. Serviva al sogno. A mio padre, ad esempio, che portò e ospitò tutti i suoi amici a Scario, nel basso Cilento,  Diceva invecchierò qui, come i pescatori, giocando a tresette sul lungomare. E’ morto a Napoli, papà, dopo una lunga malattia. Era solo mentre io, mamma e Sofia (mia figlia) eravamo a Procida in una casa che avevo affittato. Pescatori veri, poi, a Scario, non ce ne sono mai stati. La seconda casa, quella dove almeno uno della vostra famiglia, se ancora l’avete conservata, tiene la residenza, per pagare meno tasse. In culo allo stato mariuolo. Quella casa che è diventata due case, tre, la dependance nella casupola degli attrezzi, perché noi figli non abbiamo le possibilità dei nostri genitori. Noi figli (io no, per fortuna) che in quelle case adesso ci dobbiamo andare per forza, perché soldi per la vacanza non ce ne sono. E’ sì, perché diciamolo, da ragazzi quelle case quasi ci imbarazzavano. La vacanza vera era il viaggio, altro che la casa al mare, altro che la seconda casa. Quanto eravamo brutti adesso che ci penso. Quanto era brutto il nostro benessere. Guardo i ruderi di quel sogno e mi sento sollevata. Libera. La commedia all’italiana, quella amara, siamo noi, anche se non ce ne siamo accorti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...