Colpevole

Standard

Piccolo slancio verso l’ignoto novembre.

A volte cerco di ricordarmi com’è che pensavo sarei diventata da grande.  Non certo così. Fisicamente sono più esile di come avrei immaginato, più fragile. Credevo sarei stata una di quelle ingombranti signore che dispensano saggezza e allegria. E invece eccomi. 

Credevo che i libri avrebbero finito col contare più dei vestiti e invece sono più vanitosa e leggera.

Credevo che sarei riuscita a circondarmi di una famiglia scombinata e numerosa e invece finirà che prima o poi diventerò una persona sola e forse persino ordinata.

Credevo, e questa è la cosa più divertente, che a un certo punto si diventasse adulti, così quasi per naturale trasformazione e invece ho compreso che restiamo sempre gli stessi dentro ed è solo un gioco di opportunità sociale e formale mostrarsi diversi da come si è sempre stati.

Credevo che essere genitori fosse solo una parte della vita e invece mi ritrovo a essere sempre più mamma e meno libera. 

Credevo infine che sarei stata molto più risoluta e  autoritaria per inclinazione invece a volte mi sento ancora arrendevole.

Oddio poi, come diceva sempre mio padre, poteva andare peggio, potevo diventare stupida.

Quasi auguri a me

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...