Archivio mensile:giugno 2018

Tanto lo so che non vi mancherò

Standard

Finalmente vacanza. Isola.

La cosa bella, a pensarci bene, è che davvero di fare la turista me ne sbatto per il cazzo. Ci sono stati anni in cui ho rinunciato malvolentieri alle vacanze da viaggiatrice, in cui questa cosa di voler essere stanziale per mia figlia mi pesava un po’. E invece invecchiando si impara. Si impara ad amare di più le cose che già amavamo: l’insularità, ho sempre detto, o anche la possibilità dell’isola.

Ho trovato una casa bellissima, un orto, una discesa a mare quasi privata.  Ho comprato un quadernone  e un paio di occhiali da vista. Ho voglia di scrivere.  Mi mancano solo le penne, voglio quelle che piacciono a me. E candele, tante candele profumate e incensi per la sera. Perché la sera voglio bere in silenzio  lasciandomi sedurre dal suono del mare.

Un mese è anche poco. Non lascio nessuno e nessuno voglio trovare. O poi ho una figlia che posso lasciare andare e tornare, senza troppi timori.

E adesso salutiamoci. Tanto so che non vi mancherò.

Non mi mancherete nemmeno voi di città.