“Il piacere di una donna sta a quello dell’uomo come un poema epico sta a un epigramma”

Standard

Va che lo so che dovrei usare almeno una citazione da “Bianco”  per essere credibile come blogger, ma anche sticazzi, Krauss va sempre bene, mi calza benissimo in questo periodo, perché vorrei tanto sapere perché sono ancora prigioniera di un desiderio che non riesco a vivere come si conviene alla mia natura epica. Ci sono amori che sono spendide evanescenze e quintali di stizzosa repulsione, assenza, assedio. E ci casco sempre. Più come un Don Chisciotte che come un Orlando a dire il vero.  Cosa temo di più mi sono chiesta in questi giorni.  Ho finalmente scelto la risposta: temo la rassegnazione alla noia più della paura di non essere amata.

Fra qualche giorno compio gli anni. Ho una strizza della morte che non vi dico. Sto per entrare- mi spiace raccontarlo in maniera così cinica- nell’età dello sfoltimento: verso i cinquanta si muore abbastanza, solo se resisti arrivi alla vecchiaia. Conta molto come hai trattato il tuo corpo, perché il corpo riscuote, ho sentito dire ultimamente. Se così fosse a me arriverà un conto abbastanza salato. Rispetto alla paura della morte la noia diventa il terreno impraticabile. Se dovessi morire non vorrei perdere nemmeno un minuto ad annoiarmi.

Io nun moro, comunque.  Soffro solo un po’. Ma è una roba da scorpioni.

 

me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...